Bigodini a colazione

Fin da quando sono nata ho avuto un profondo conflitto con i miei capelli. Non so perché, ma non hanno mai accettato di stare al loro posto.

Arruffati, spettinati, indomabili; questa la loro forma.

Sono giunta alla conclusione che reclamano una loro “Libertà d’espressione” e, per ottenerla, decidono di assumere una direzione non richiesta. Bene, li ho lasciati liberi e ho stipulato con loro un patto d‘esuberanza fornendogli colori e tagli sempre diversi.

Adesso sono cresciuta (certo, solo un po’. Come tutte le donne fantastiche preferisco ritenermi “senza tempo”) e ho imparato a convivere con il loro egocentrismo che, a dirla tutta, non mi spiace. Hanno carattere e, insieme, ci divertiamo. Ok. Ho dovuto fare una scelta, non essere come quelle Dive che la mattina si alzano perfette e, sottolineerei, vergognosamente belle, ma in fondo sono contenta di appartenere a quella fascia di Donne che al posto dei capelli fluenti, la mattina, hanno una criniera. Pazienza, alla chioma da femme fatale sostituisco un sorriso smagliante, (merito di apparecchietto in puro ferro in età adolescenziale, con gentile contributo di Mamy e Papy) con tanto di fossette per affrontare una nuova giornata. Dopotutto, amiche o mariti che leggete, quale donna non si sveglia come me? Non ditemi che sono la sola sconvolta la mattina!!

Ricca di novità e obiettivi, di “non ce la posso fare”, di conquiste andate male, di caffè con le amiche, di sfrenate voglie di dimagrire; investita da numerosi “Pri-pro-quo” e tanti “Quid” in più (Tanto per usare citazioni di “spessore” che ormai fa figo).

Forse, per questo ho proprio scelto la parola Bigodini.

Perché nel mio eccentrico mondo, in fondo, io amo la semplicità. O meglio, m’incuriosisce la normale particolarità. quella bellezza che si trova solo se la sai guardare attentamente, altrimenti scappa via.

Ecco! Con Bigodini, per una volta nella mia vita, voglio cominciare dalla testa.

Dallo scrigno che racchiude tutte le mie idee e, perché non essere sincera, le mie paure e paranoie.

Sono nata femmina e, pian piano, ho deciso di essere una Donna con i “Diavoletti” (una volta erano così chiamati questi simpatici cilindri) perché non hanno mai escluso nessuno: mamme, nonne, piccole, grandi, star e casalinghe, inglobandole in un mondo tutto in “Rosa”.

Ho abbinato la parola Colazione perché cerco la carica proprio di prima mattina, non appena apro gli occhi e, davanti al mio caffè e latte, scruto il mio tablet o il telefono. In pochi minuti compare un mondo intero davanti a me e comincio a sognare, fantasticare e pianificare. Questo mi permette di dare, il più delle volte, una piega positiva anche nei giorni meno luminosi. Anche se, voglio metterlo in chiaro, non auspico ad una vita perfetta o senza problemi, ma semplicemente ricca e piena di originalità. Spero che “Bigodini a Colazione” possa essere questo; un mio piccolo angolo dove, insieme a voi se vorrete seguirmi, potrò dare spazio alla mia voce e mettere a nudo la mia anima. Non so dove mi porterà questa avventura, ma in questo momento poco importa. La cosa che desidero di più è mettermi in gioco e scommettermi perché, ogni tanto, è necessario avere coraggio. Per vivere si deve scendere in campo e ricordare che: Non è sempre necessario un vero motivo per essere felice, ma basta esserlo.

Devo tanto, in questo progetto, alla mia famiglia per il sostegno e la pazienza e ai tanti amici/che che mi hanno spinto a pubblicare questa pagina.

Un abbraccio particolare alla mia sorellina Federica, per aver visto in me una potenziale “stalker” del web; a Maurizio Caserta per le favolose foto; a Barbara Librizzi per aver giocato con i miei capelli e a Giovanni Gentile per aver impreziosito il mio viso….

Ma dulcis in fundo, e non per questo meno importante, c’è Lei alla quale dico:

Per l’amore che mi hai regalato,

Per la fiducia che mi hai infuso,

Per la capacità di stare in piedi anche quando la vita decide di piegarti,

Grazie Anna, grazie Mamma….

Tutto quello che è e tutto quello che sarà, lo dedico a te.

Buona vita a tutti

Due parole sull'autore Francesca Putrino

8 Comments

  1. Fra come sempre sei una fonte inesauribile per tutti…ti auguro il meglio che questa vita può offrirti e ti auguro di raccogliere tanti frutti da questa straordinaria avventura…sono orgogliosa di avere una persona come te nella mia vita e sono fiera di poterti seguire in quest’angolo di Web a cui tu puoi dare tanto…Hai scritto che qui potrai dare sfogo alla tua voce e mettere a nudo la tua anima e quindi amica mia non posso che seguirti perché la tua è un’anima gentile vera e sincera… tvb Stefy

  2. Grande Donna!
    Si sente, si sente anche attraverso questo schermo bianco che mi abbaglia sempre gli occhi..
    Tu e il tuo piccolo, avete già tutto quello di cui avete bisogno per proseguire pienamente il vostro percorso : l’amore!
    Perché dove c’è amore, risiede speranza…
    E la base di ogni speranza, nasce da un amore, che sia esso di natura rivolto ad altri o a noi stessi…

    Fa sempre quello che ti senti…
    Quello che ti riesce meglio…
    E andrà tutto bene!

    Un abbraccio di luce!
    JESSICA S.

  3. …bigodini…era da una vita che non sentivo questa parola!!! Mi rimanda a ricordi dal sapore dolce e dal profumo incantevole. Arrotolare i capelli intorno ai bigodini è un gesto lento, preciso, delicato….femminile in un’unica parola. Mi riporta alla mente come ho tanto bisogno di fare le cose lentamente, in modo preciso, delicatamente, come mia nonna sapeva fare… che donna!

    E non dimentichiamo che chi ben comincia è a metà dell’opera!
    In bocca al lupo fantastica Donna!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *