“STRONZOLOGY” di Amleto De Silva

Vogliamo augurarvi una buona giornata con un personaggio che ci ha entusiasmato e ci piace che stia qui su Bigodini, perché ci fa bene al sorriso; è Amleto De Silva.

Lui scrive, recita e fa un sacco di altre robe; è stato uno dei vignettisti di Smemoranda, ma è soprattutto un antropologo, e forse lui non lo sa che la sua capacità di definire l’uomo se la batte coi meglio antropologi.

È capace di farti scorticare dalle risate trattando cose serissime. È intimamente pioniere, ed è stato definito – a ragion veduta – “grande osservatore e blogger osannato”

È una di quelle persone che conosce la forza deflagrante delle parole e dà un senso alla parola “brillante”.

Amleto è socialmente utile perché, attraverso le sue storie, insegna divertendo. 

Fra i suoi libri ne segnaliamo uno che tratta una categoria evergreen: Stronzology. È un manuale di sopravvivenza. È un libro esilarante e illuminante.

“Gli stronzi sono tanti, sono tra noi, e non sappiamo ancora bene come difenderci”.

Allora leggiamo, e lo sapremo. 

Cettina Calio

Due parole sull'autore Cettina Calio

Cettina Caliò ha studiato presso la scuola superiore per interpreti e traduttori di Roma e presso la facoltà di lingue e letterature straniere di Catania. Si occupa d'insegnamento on line di lingua inglese. Scrive poesie e racconti. Sostiene di scrivere perché ha nostalgia di tutti i momenti in cui si è sentita viva. Le piacciono le parole di due sillabe e gli autogrill. La musica classica è la sua variante del silenzio. Divide le persone in due categorie: quelle in gamba e quelle che non lo sono. Legge molto perché, dice, le piace andare lontano restando vicino. Ha pubblicato: Poesie (Ibiskos 1995), L’Affanno dei verbi servili (Bastogi 2005), Tra il condizionale e l'indicativo (Ennepilibri 2007), Sulla cruda pelle (Forme Libere 2012).Ha ottenuto riconoscimenti in ambito nazionale e figura con i suoi testi in antologie e riviste letterarie. Dicono di lei: singolarissima autrice toccata dalla grazia di una vena comunicativa visionaria e coinvolgente. Un intreccio linguistico misurato e acuto. Polivalenza espressiva di rara ricchezza cromatica. Leggerezza e intelligenza si fondono nella luce della parola poetica. Eleonora Roncaglia – Critico letterario- Sei una rompipalle epica. Giuseppe Condorelli – Insegnante e poeta

Rispondi